Identità Milano 2016

Non potevamo di certo mancare ad una delle manifestazioni più importanti relative al food “Identità Golose”.

Per chi ancora non la conoscesse o semplicemente non hai mai avuto il piacere di visitarla ..si tratta di un congresso internazionale di cucina che si tiene tutti gli anni a Milano e in altri paesi del mondo, dove importanti chef e aziende si incontrano per affrontare temi e nuove tecniche tutte relative al mondo del food.

Grazie al nostro gruppo di Ifood, non solo siamo entrati ma abbiamo anche tenuto insieme ad altre quattro colleghe blogger un cooking show sulla pasta fresca con le farine Molino Quaglia.

L’emozione è stata davvero tanta…ma una volta scioltosi il ghiaccio ..e preso il microfono in mano … ci siamo divertiti un sacco. Un ringraziamento speciale lo dobbiamo anche alla nostra presentatrice Francesca Barberini che ha saputo stemperare la situazione a suon di battute spiritose.

La “sfida” consisteva nel preparare, con la farina “Gran Pasta” dell’azienda Molino Quaglia, un piatto di pasta fresca che doveva essere condita esclusivamente con burro e parmiggiano per esaltare proprio le caratteristiche dell’ingrediente principale.

Noi abbiamo portato delle tagliatelle tricolore essendo la pasta uno degli ingredienti tipici e che maggiormente ci contraddistingue nel mondo.

Per l’appunto il nome che abbiamo dato al piatto è “Omaggio al Tricolore”. 

Gli altri piatti presentati sono stati tutti molto interessanti ma soprattutto originali e differenti tra loro. I nostri colleghi blogger hanno portato delle tagliatelle allo zafferano, tagliatelle aromatizzate al caffè, fagottini ripieni di zola e noci, e ravioli alla peruviana.

Terminato lo showcooking abbiamo visitato i vari stand delle aziende che presentavano i loro prodotti..un percorso tra sapori e profumi.. dai salumi ai formaggi.. ai vini.. le birre …gli oli e gli aceti.

Lo stand che ci ha particolarmente colpito è stato quello del caviale di limone, un prodotto veramente unico che pensiamo farà molto parlare di se e non solo perché lo usa Cracco.

Infine non potevamo perderci la cooking lesson dell’estroso chef Scabin del Combal.Zero di Rivoli che ha esposto le sue idee sulla pasta, le tecniche di cottura e di salatura.

Il primo dei due piatti presentati  è la Scuba Oil pasta, la pasta conservata sottolio.

Gli spaghetti dopo essere stati  scolati al dente,vengono inseriti direttamente in un vasetto cilindrico di olio ghiacciato: la bassa temperatura (circa 1°) non permette alla pasta di incorporare l’olio, non entra più umidità e la pasta rimane al dente per 5 giorni. Conservata  a temperatura ambiente può essere rigenerata con 10 secondi al micronde o saltandola in padella. 

La seconda pasta presentata è una Amatriciana in pentola a pressione, lo chef in questo caso sconvolge tutti inserendo tutti gli ingredienti insieme ( pasta, acqua, salsa di pomodoro, vino bianco, pepe e peperoncino,concedendosi una libertà artistica di introdurre anche due spicchi d’aglio) nella pentola a pressione per 12 minuti, una tecnica che ricorda molto la ricetta onepotpasta di Martha Stweart, ma utilizzando un principio scientifico molto importante, perché il risultato non è casuale, ma molto preciso grazie alle dosi meticolose di ogni ingrediente e il principio chimico per cui nella pentola a pressione riesce ad ottenere una temperatura vicino ai 125° , temperatura alla quale gli amidi della pasta reagiscono dando un risultato molto gradevole. 

Una domenica sicuramente indimenticabile, peccato solo non poter partecipare a tutte e tre le giornata organizzate.

Per gli appassionati di food come noi è un evento davvero molto importante e formativo dove poter incontrare da vicino tutti i protagonisti del mondo del food e scattarsi un selfie ricordo con i propri miti.

 

identita golose 2016 cucinaconstile Alessia di cucinaconstile Francesco di cucinaconstile

cucinaconstile Paolo Marchi cucinaconstile con Francesca Barberini Alesia di CucinaconStile

pasta fresca tricolore image chef Ruta all'assaggio image

image image image image

image image image 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *